Cosa succede ad una coppia che non fa sesso?

Il sesso all’interno di una relazione di coppia stabile è una delle aree fondamentali per il benessere e la stabilità del rapporto. Avere una soddisfacente attività sessuale con il proprio partner è molto importante perché tramite il sesso si aumenta e si solidifica la fiducia tra i due partner e ci si avvicina l’un l’altro. Il sesso in un rapporto stabile non è da intendersi unicamente come ricerca del piacere fisico, ma è anche il modo più efficace e diretto per comunicarsi a vicenda quel senso di accettazione, fiducia, intimità e rispetto profondo che ognuno di noi cerca nella relazione con l’altro.

Psicologa e Psicoterapeuta Ribaldone AlicePsicologa e Psicoterapeuta Ribaldone Alice 19 Ottobre 2022
Cosa succede ad una coppia che non fa sesso

Come cambia il sesso nella coppia?

Con il passare del tempo, nelle coppie che stanno insieme da molto tempo, può succedere che il sesso sia presente con un’intensità e frequenza minore rispetto agli inizi. In parte si tratta di un processo fisiologico legato alle diverse fasi di una relazione: la prima fase della conoscenza e dell’innamoramento è sicuramente caratterizzata da una maggiore ricerca del contatto con l’altro e da un’attività sessuale più ricca, rispetto ad una fase più matura del rapporto. Ciò non significa che il sesso debba scomparire dalla vita della coppia e che non resti un aspetto molto importante per il suo buon funzionamento.
A volte ci si sorprende quando in una coppia di “lunga data” sia ancora presente il sesso! E quando manca quasi non ci si fa neanche caso e si pensa sia normale, come se non fosse realmente un problema.
Con il passare degli anni, il problema all’interno della coppia non riguarda la quantità e la frequenza del sesso, quanto il fatto che il desiderio diminuisca fino a scomparire del tutto.

Cosa provoca la mancanza di rapporti sessuali?

La mancanza di rapporti sessuali all’interno della relazione di coppia può essere provocata da diversi fattori, alcuni hanno un carattere più individuale e personale, altri riguardano la dimensione propria della coppia o, se presenti, dei figli.

Proviamo a vedere insieme alcune ragioni per cui si smette di fare sesso:

  • Ho paura di non piacergli/piacerle più
    A volte in una coppia ad un certo punto nasce il timore di non piacere più all’altro o addirittura che il proprio partner possa tradirci. Ovviamente entra in gioco la paura di essere sostituiti e abbandonati. Queste paure, se non vengono affrontate e comunicate al partner, rischiano di invaderci e di interferire nella sessualità, portandoci ad essere frenati a livello sessuale.
  • Non mi sento a mio agio con il mio corpo
    Nel corso del tempo il nostro corpo cambia. Si invecchia, magari si hanno dei figli, si pratica meno attività fisica, ci si prende meno cura di sé. Qualunque sia la ragione, se ci si sente a disagio con il proprio corpo, non si ha il piacere di mostrarlo, soprattutto a qualcuno che lo ha visto in tempi migliori. Anche in questo caso è importante parlare con il proprio compagno/a, magari scopriamo che quelli che noi riteniamo difetti in realtà all’altro piacciono.
  • Mi sento a disagio durante il sesso
    Può succedere che sia proprio il sesso a procurare una qualche forma di disagio, non la relazione con l’altro. Questo malessere personale può avere diverse cause, sia organiche come ad esempio nelle donne la secchezza vaginale, sia psicologiche come la paura di avvertire dolore durante l’intimità o il provare un dolore effettivo. In questo caso è importante capire quale sia il problema ed affrontarlo con l’aiuto di un ginecologo o di uno psicologo sessuologo. Parlare con il partner di ciò che succede è poi fondamentale; infatti, anche se si tratta di un problema personale, può riversarsi sulla sessualità nella coppia e compromettere la serenità della relazione.
  • Mi annoia la routine
    Questo è uno dei motivi per cui spesso il desiderio all’interno di una coppia si spegne. Ciò accade perché con il passare del tempo ci si dà per scontati, si pensa di conoscere tutto ciò che piace e non piace all’altro, non si sperimenta e, soprattutto, non si gioca più insieme. C’è sempre qualcosa che possiamo scoprire dell’altra persona e possiamo farlo solo se glielo chiediamo e se glielo diciamo. Comunicare anche tra le lenzuola è importante per la coppia, per mantenere vivo ed acceso il desiderio.
  • Sono troppo stanco/a per fare sesso
    La stanchezza, lo stress per la vita quotidiana, tra lavoro, cura dei bambini e, a volte, anche dei genitori anziani, possono sicuramente influire sul desiderio sessuale. In questi casi, il sesso non è più al primo posto nella lista delle priorità. Se si hanno poche energie è difficile impegnarsi in camera da letto. Parlare insieme nella coppia delle rispettive fatiche può abbassare il livello di tensione e può far ottenere la comprensione e l’appoggio del partner. Ricorda però che ritagliarsi del tempo per sé e per la propria relazione oltre ad essere importante per il mantenimento della coppia, può contribuire anche a ricaricare le energie personali. Se ci sentiamo appagati nella nostra relazione e sostenuti dall’altro, ci sentiamo anche più forti nell’affrontare le fatiche della vita.
  • Litighiamo sempre
    Quando una coppia va in crisi, spesso le discussioni e i litigi sono all’ordine del giorno. Quando succede questo, le tensioni si spostano anche sul piano dell’intimità. Non sorprende, infatti, che una coppia in difficoltà non faccia più sesso. È improbabile che una persona arrabbiata con il proprio partner abbia poi la voglia e il desiderio di fare l’amore con lui.
  • Non più fiducia in lui/lei
    Perdere e/o tradire la fiducia del proprio partner può avere grosse ripercussioni sull’attività sessuale. Ipotizziamo che sia successo qualcosa che abbia compromesso tale fiducia, come un tradimento da parte di uno dei due. La coppia può decidere di riprovarci e riconciliarsi. Se però questa riconciliazione è solo sulla carta, ma in realtà non si è davvero perdonato l’altro come si può pensare di tornare ad essere intimi, e quindi anche vulnerabili, con qualcuno di cui non ci si fida davvero?
  • Stiamo insieme solo per abitudine
    A volte può succedere che una relazione di coppia si trasformi in un rapporto quasi di lavoro più che d’amore, dove la coppia resta insieme per abitudine, per i figli, perché è giusto così (per chi poi chi lo sa!) o perché si ha paura di restare da soli. In questi casi, la sessualità e il romanticismo spesso non ci sono più, quindi cosa resta? La coppia deve provare a capire se e come vuole continuare a restare insieme perché forse così nessuno dei due è veramente felice ed appagato.

Cosa succede quando una coppia non fa più l’amore?

Quando una coppia non fa più l’amore quello che succede è che il desiderio da parte di uno dei o di entrambi si sta spegnendo o si è spento. Si tratta di un problema importante che potrebbe compromettere il rapporto fino a portare alla rottura della relazione stessa. Il desiderio sessuale e la sessualità non dipendono unicamente dall’atto in sé, ma sono concetti molto più ampi che derivano da un contesto generale che coinvolge da un lato la propria visione del partner, il suo comportamento, quanto ci sentiamo coinvolti nella relazione e valorizzati e stimati dall’altra persona, dall’altro aspetti legati alla quotidianità e all’abitudine che possono influenzare negativamente la creatività e gli atteggiamenti seduttivi. Molto spesso quando una coppia smette di fare l’amore ciò significa che il problema non è nel sesso in sé, ma deriva da qualcosa di più profondo ed intimo. Di solito i problemi nella sessualità sono un campanello di allarme di una crisi della coppia su un altro livello, in particolare sulla comunicazione, sulla fiducia e sul rispetto. È importante che la coppia lavori su questi aspetti per provare a recuperare il rapporto o arrivare ad una separazione più consapevole.

Quanto può durare una relazione senza sesso?

È difficile dare una risposta esaustiva a questa domanda, dipende da quando i partner sentono la mancanza di sesso come un problema e da quanto hanno voglia di provare a risolvere i problemi e migliorare la relazione.
Forse è meglio chiedersi se una coppia può vivere senza il sesso. Abbiamo detto che una relazione di coppia ha diversi pilastri, uno di questi è proprio la sessualità. Una coppia può funzionare anche se uno di questi pilastri è traballante, ma questo vale se si tratta di situazioni transitorie. Infatti, è impossibile che in ogni momento di vita della coppia tutti i pilastri siano perfettamente stabili. La cosa fondamentale è che la coppia trovi un equilibrio che funzioni nella vita quotidiana e nella sessualità, nel quale i partner si sentano emotivamente connessi.
Detto questo, ci sono persone per cui il sesso è un aspetto fondamentale, così come per altre ha un ruolo più marginale o che possono vivere senza sesso senza soffrire. Sicuramente è fondamentale trovare un partner che sia in linea con quello che si sente nei confronti della sessualità. Si può essere felici in coppia anche senza sesso, ma probabilmente queste coppie sono più un’eccezione che la regola.

Come si fa a riaccendere il desiderio?

Per riaccendere il desiderio all’interno di una coppia, prima di tutto bisogna capire se la sessualità è davvero il problema principale. Se in generale con le coppie è importante lavorare sulla comunicazione, quando i problemi riguardano l’intimità e la sessualità ciò è ancora più fondamentale.
Per poter riaccendere e riscoprire la passione bisogna capire se c’è ancora attrazione tra i partner e cercare di valorizzare la relazione, ponendo maggiore attenzione ai dettagli e sperimentando cose nuove. Avere problemi a letto non significa per forza che sia finito l’amore, potrebbe essere che il passare degli anni abbia portato abitudine e noia o che ci siano altri aspetti in sospeso.

Ricorda: comunicare con il tuo partner in questi momenti è fondamentale!

Come riaccendere la fiamma in una coppia che non fa sesso

Nel breve periodo, si possono comunque mettere in atto alcune strategie per riscoprire la creatività e la sessualità.
Ecco alcuni consigli che possono aiutare a riaccendere la fiamma della passione nella vita quotidiana:

  1. Parlate insieme
    Non ci stancheremo mai di ripeterlo: nella coppia la comunicazione è fondamentale! Parlare al partner dei propri dubbi e delle preoccupazione porta l’altro a rendersi conto di quello che sta succedendo. È vero non è facile parlare delle cose che non funzionano, ma magari parlandone potrete scoprire che il partner prova la stessa cosa, facendovi sentire più complici e intimi.
  2. Giocate nell’intimità
    Oltre a parlare, può essere molto utile esprimere quello che si prova e si desidera attraverso il linguaggio del corpo e altri strumenti, come giochi, musica, abbigliamento: tutto può essere utile per uscire dalla routine e ritrovare un po’ di novità. Vivere la sessualità con un carattere più giocoso può aiutarvi a riaccendere il piacere di stare insieme e riscoprirvi sotto una luce diversa.
  3. Prendete l’iniziativa
    Non aspettate che sia sempre l’altro a prendere l’iniziativa, a volte bisogna cambiare le carte in tavola e proporre qualcosa di diverso per sorprendere l’altro. Abbiamo detto che il desiderio non dipende unicamente dall’atto in sé, ma anche dall’intimità e dalla complicità della coppia. Per ravvivare la passione, quindi, è importante anche realizzare altre attività insieme, come coccole, massaggi, attività e progetti insieme, per aumentare l’affiatamento della coppia.
  4. Dedicatevi il tempo
    L’area della sessualità spesso viene tagliata fuori dalla quotidianità perché soffocata dai mille impegni, dalla stanchezza e dallo stress. Deve essere un impegno costante da parte di tutte e due i membri della coppia quello di ritagliare uno spazio dedicato a se stessi, alla propria coppia. Uno spazio che può essere rivolto non solo al sesso ma anche, e soprattutto, alla comunicazione, alle coccole, ad un’uscita, ad una cena fuori. È vero che organizzare e mettere in agenda l’incontro con l’altro può sembrare poco romantico e spontaneo ma a volte è necessario e significa che abbiamo in mente l’altra persona.
  5. Ricordate come eravate
  6. Provate a ricordarvi cosa vi piaceva dell’altra persona e cosa quindi vi manca adesso e, dopo averlo fatto, ditelo al vostro partner per provare a ripartire da lì, insieme! Allo stesso tempo, prendetevi cura anche di voi stessi, non solo per piacere all’altro ma soprattutto per sentirvi bene. Con il passare del tempo e l’aumentare degli impegni può capitare di essere meno attenti al proprio aspetto e al proprio benessere. Iniziate uno sport, un hobby, cambiate abbigliamento o taglio di capelli, qualsiasi cosa che possa farvi stare meglio con voi stessi: se non si sta bene con se stessi, come si può stare bene con l’altro?

A volte purtroppo queste strategie non sono sufficienti a risolvere i problemi. Affrontare le difficoltà all’interno della coppia non è facile, spesso ci si reagisce a vicenda e si risponde all’altro, agendo la rabbia, la frustrazione e la sofferenza invece che esprimendole ed utilizzandole per farsi comprendere. Se da soli non riuscite più a comunicare in modo funzionale, non riuscite a capire l’altro e non vi sentite capiti e sostenuti dal partner, chiedere aiuto ad un terapeuta può essere importante: intraprendere un percorso di terapia di coppia può aiutarvi a capire da dove arrivino i problemi e può guidarvi nella loro risoluzione.

Prenota un appuntamento nel nostro studio a Torino
o una consulenza online

    Privacy Policy - Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali

    Iscriviti alla nostra newsletter

    Rimani sempre informato sui nostri articoli e aggiornato sulle novità di Studio Psyche!

    Invia
    Privacy Policy - Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali